• 0583 469085
  • segreteria@notaio-destefano.it
  • Via di Tempagnano n.150/a - LUCCA
  • 0583 469085
  • segreteria@notaio-destefano.it
  • Via di Tempagnano n.150/a - LUCCA

Professione Notaio

  • Studio Notarile - Francesco De Stefano
TORNA INDIETRO:

prof_notaioNelle nostre aspirazioni:

Guadagnare e conservare la vostra fiducia guidandovi in tutti i momenti della vita che richiedano l’intervento di un interprete ed esperto legale orientandovi nella migliore delle scelte possibili e facendovi acquisire la maggiore consapevolezza di tutte le vostre azioni anche da un punto di vista giuridico.

Aldo Moro, Ministro di Grazia e Giustizia

Là dove il giudice assume una funzione risanatrice e riordinatrice, per così dire, della patologia della vita giuridica, il notaio ne assuma una efficacemente preventiva dei conflitti, mediante la quale esso contribuisce potentemente alla realizzazione dell’ordine sociale. Ma al di là della posizione formale che il notaio assume, di mediatore tra pubblico e privato, il notaio è anche l’equilibrato e responsabileconsulente delle parti nella formazione ed espressione della loro volontà giuridicamente rilevante. E’ qui che la preparazione tecnica, la sensibilità umana, il senso sociale del Notaio possono avere la loro esplicazione con effetti benefici di rilevante portata ed è qui che il Notaio svolge in concreto un’attività veramente efficace per muovere ed orientare in senso costruttivo la vita sociale.

Nelle parole degli interpreti:
Francesco Carnelutti, Avvocato
“Quello del notaio è uno dei tre uffici puramente giuridici: notaro, avvocato e giudice. Codesti tre uffici rispondono grosso modo ai tre aspetti dell’attività giuridica secondo l’antica formula: cavere, postulare, respondere. Tra la prima e l’ultima differenza, al postutto, è quella che separa la prevenzione della repressione giuridica. In termini tratti dalla medicina, il notaro fa dell’igiene ed il giudice della terapia; l’avvocato sta in mezzo.”
“Prima di essere un documentatore il notaro è un interprete…Fruga, il notaro, come ogni interprete, in qualcosa che è nascosto, ed è, dopo tutto, l’anima dell’uomo…”